Spalato- Split  
Paesi & Città  
NUOVE LOCALITA'
ALTURA
CANFANARO
CAVRANO
CRISTOGLIE
DIGNANO
FASANA
GALLESANO
GIMINO
LAVARIGO
LISIGNANO
MEDOLINO
MONTICCHIO
NESAZIO
POLA
POMER
PORTOLE
PROMONTORE
S.PIETRO IN SELVE
SANVINCENTI
SICHICI
SISSANO
VALLE
VERMO
 





DIGNANO - VODNJAN

FOTO GALLERY
LEGGI LA PRESENTAZIONE

 

Da non perdere:
La collezione d'Arte Sacra custodita nella parrocchiale. Conta 730 capolavori, tra cui il trittico trecentesco di Paolo Veneziano ispirato alla venerazione del beato Leone Bembo.

Dignano ha avuto senza dubbio origini lontane, anche se non trova riscontro negli antichi scrittori e geografi; non è infatti nominata nell'itinerario dell'Anonimo ravennate del VII secolo, né è segnalata dal geografo arabo Idrisi, nella metà del XII secolo, allorché elencò le cittadine istriane soggette ai patriarchi d'Aquileia.
La tradizione vuole che l'attuale Dignano sia il risultato dell'unione di sette ville, facenti parte dell'agro di Pola.
In quel tempo la romana Attinianum era congiunto alla via Flavia, la strada imperiale fatta costruire da Vespasiano, che da Pola andava a Valle passando per Gallesano e Dignano.

La strada, che univa Dignano alla consolare, scendeva a sud passando per la contrada di Lisignamoro e Pilisia, una località che ancora oggi mantiene il suo nome romano; questa rotabile corre lungo una delle calles e porta ancora il nome di "strada romana".
A Dignano la vita continuò anche dopo lo sfascio dell'Impero Romano d'Occidente, sia sotto gli Ostrogoti che sotto i Bizantini. Questi secoli furono per Dignano un'epoca d'oro e le testimonianze dell'arte fiorita, nei castelli e nelle chiese dell'agro dignanese, sono numerose.
Fu in epoca longobarda che Dignano subì la prima devastazione.
Nel 751 fu distrutta, con le altre località vicine, dall'invasione dei Longobardi guidati da re Astolfo.
Poi, con l'arrivo dei Franchi di Carlo Magno, nel 788, anche Dignano cominciò a sentire i duri vincoli del feudalesimo.

Dignano entra nella storia nel 1194, quando è menzionato per la prima volta in una sentenza di Bertoldo di Andechs, marchese d'Istria e duca di Merania, alla cui stesura prese parte il vassallo Popone di Adignano.

Nel XIII e XIV secolo Dignano viveva dei redditi del proprio territorio e cioè producendo legna da ardere, bestiame, granaglie, un ottimo olio e vino. Nel borgo veniva esercitata l'arte della lana e si producevano panni grezzi, detti "rasse" che venivano venduti anche fuori del territorio. Furono aperte anche cave di saldame, una sabbia quarzifera molto apprezzata a Murano.

Nel 1330 circa, a seguito degli attriti fra le fazioni che parteggiavano rispettivamente per il patriarca e per i Veneziani, che sfociarono in zuffe sanguinose, sette località decisero di unirsi e vivere insieme in un unico capoluogo, per opporre così maggior resistenza agli assalti dei nemici.
Secondo la tradizione, per scegliere il capoluogo, i delegati di ogni singolo villaggio lanciarono ognuno delle pietre verso un dato sito, dove in breve si formò un grumo o mucchio di pietre.
Questo fatto è noto come il "grumaso de la sorte" ed il vescovo di Cittanova Tommasini, nel XVII secolo, asserì di esservi stato testimone. Pare che, dopo la scelta del capoluogo, gli abitanti degli altri villaggi abbiano lasciato le loro case e si siano trasferiti nel nuovo sito.

Sempre nel corso del 1300 Dignano viene conquistata dai Genovesi poi dagli Ungheresi, prima di ritornare in mano ai Veneziani.
Nel 1492 vengono approvati i nuovi Statuti civici.
Nel 1500 Dignano aveva 1.500 abitanti. A questo periodo risalgono i processi dell'Inquisizione per casi di protestantesimo.
Nel 1615 Dignano viene attaccata dagli Uscocchi (banditi al soldo degli Austriaci per combattere i Veneziani). Le cernide a difesa di Degnano uccidono 400 imperiali e sconfiggono gli Uscocchi recuperando tutto il bottino.
Nel 1667 arrivano fino a Degnano alcuni "fusti" turchi seminando lutti e distruzioni.
Nel 1797, caduta Venezia, Degnano viene occupata dagli Austriaci. Rimane austriaca fino al 1918. Nel 1915 i Dignanesi vengono internati in un campo di concentramento in Stiria, da dove ritornano nel 1918.
Fino al 1945 Dignano è parte del Regno d'Italia.